Servizi

Impianti antincendio
a sprinkler

TORNA A IMPIANTI   #

Gli impianti antincendio a Sprinkler

Tra le varie tipologie di impiantistica antincendio trattate, Pim antincendio si occupa anche degli impianti antincendio a sprinkler, uno dei sistemi più diffusi nel mondo per la protezione antincendio delle strutture di un edificio.

I sistemi antincendio a splinker (dall’inglese “spruzzatore”) è un sistema di estinzione a pioggia alimentato da un impianto dell’acqua o da un gruppo di pompaggio con relativa riserva. Gli impianti antincendio a splinker sono regolati dalla norma UNI EN 12845.

Obiettivo di un impianto splinker è di controllare l’incendio in modo che l’estinzione possa essere completata con altri mezzi. Può essere efficace per estinguere un incendio nella fase iniziale.

Scopri la tipologia di impianti antincendio a sprinkler adatta a te

Le tipologie degli impianti antincendio a sprinkler sono molto diverse tra loro in quanto devono essere efficaci nella salvaguardia di una vasta gamma di situazioni.
Gli impianti antincendio a sprinkler si dividono in:

  • impianti antincendio sprinkler a umido: le tubazioni sono riempite con acqua in pressione. Quando si verifica un incendio, a causa del calore sviluppato si determina l’apertura dello splinker (erogatore) sopra l’incendio. L’elemento termosensibile (bulbo di vetro infrangibile o lega metallica fusibile) dello splinker attiva la fuori uscita dell’acqua.
  • impianti antincendio sprinkler a secco: le tubazioni sono riempite con aria in pressione invece dell’acqua. Gli impianti antincendio a splinker secco consentono di proteggere gli spazi non riscaldati o refrigerati dove i sistemi a umido potrebbero non funzionare a causa del gelo. A seguito di un incendio l’apertura degli splinker produce una fuoriuscita di aria a cui segue una fuoriuscita di acqua.
  • impianti antincendio sprinkler a preallarme o a preazione: le tubazioni sono riempite con aria non in pressione. Questi sistemi hanno un sistema di rivelazione separato che li fa attivare. Di fatto si chiama in preallarme perché l’erogazione dell’acqua richiede che ci sia l’attivazione del sistema di rivelazione e l’apertura della valvola dell’impianto.

Nel progettare un impianto occorre fare riferimento a norme tecniche specifiche che disciplinano le diverse componenti del sistema, le prestazioni richieste in termini di quantità di acqua erogata al minuto su metro quadro di superficie protetta. Pim antincendio, con una competenza pluriennale è in grado di consigliare i clienti nella scelta del sistema migliore per garantire la sicurezza dei propri ambienti.

MANUTENZIONE
IMPIANTI A
SPRINKLER

MANUTENZIONE
SALE POMPAGGIO E
VASCHE DI ACCUMULO